Ecco come fare uno zaino per 2 settimane

Purtroppo per la maggior parte di noi, agosto e’ sinonimo di una sola e sacrosanta parola: ferie. E dico purtroppo perche’ i backpacers che viaggiano in questo periodo dell’anno devono tenere conto di molti piu’ aspetti rispetto ai loro fortunati cugini che partono, per dire, anche solo a settembre.

Prenotazioni e rischio affollamento nelle zone d’interesse prettamente turistiche sono il pane quotidiano per chi si muove in questo periodo, costi di vitto e alloggio sono decisamente piu’ elevati e l’avventura, a cui generalmente i viaggiatori con lo zaino tengono piu’ del viaggio stesso, puo’ essere difficile da scovare.

Ecco che quindi bisogna prepararsi molto bene prima della partenza, studiare i luoghi di interesse, che cosa visitare e in quanto tempo. Personalmente, organizzo i miei viaggi decidendo a casa cosa visitare giorno per giorno, dove andare e come potremmo spostarci da un posto all’altro. Soprattutto se a ridosso del periodo rosso per le partenze, la pianificazione e’ tutto. Scrivo quindi un planning dettagliato con tutto quello che al massimo vorrei fare; inutile dirlo, se riesco a fare la meta’ di quello che scrivo normalmente e’ gia’ un successo.

Ma la domanda fatidica e’sempre e solo una: cosa portare nello zaino?
Dipende dal posto, ovviamente. Con il tempo pero’ ho imparato che

  1. possiamo vivere 2 settimane con 2 pantaloni e 3 maglie. Ve lo assicuro, si puo’ fare sia in un posto a 0 gradi che in uno a 40.
  2. Non credete a chi vi dice di partire con 3 mutande. Forse ho dei problemi con l’igiene, ma io a meno di 7 non scendo.
  3. E’ impossibile scordarsi di portare qualcosa di estremamente indispensabile, se e’ indispensabile ve lo ricordate di sicuro. Per tutto il resto, esistono i negozi. Ovunque voi andiate incontrerete negozi piu’ o meno grandi dove poter ricorrere ai ripari.
  4. Dimenticare a casa qualcosa non sempre e’ un male: impari ad arginare il problema, impari che forse quella cosa non era cosi’ indispensabile come credevi e scopri che e’ bello vivere “leggeri”.

Con l’ultimo viaggio ho toccato livelli di organizzazione e suddivisione dello zaino che manco Jean Baptiste Grenouille con i suoi profumi e’ riuscito a fare. Ho investito 9€ (all’incirca) in separatori di indumenti:

  • uno piccolo che contenesse 7 paia di mutande (ve l’ho detto, sotto non scendo), 3 calzini e due reggiseni
  • uno altro contenitore piccolo come quello precedente per due costumi
  • uno grande per pantaloni e maglie (quelle in tessuto tecnico tipo queste)
  • un sacchetto per le scarpe + un paio di infradito
  • la trousse con i prodotti per il viso (piu’ spazzolino e dentifricio)
  • una borsetta con le creme sole / dopo sole / ustione
  • una trousse con i farmaci (indispensabile)
  • lo zainetto ultracompact 10L per macchina fotografica, telecamera, batterie di riserva, documenti, cavi e cavetti.

Per l’ultimo viaggio sono partita cosi’, e devo ammettere che tirare fuori dallo zaino dei contenitori, invece che avere indumenti ammassati, e’ stata la vera svolta.

Come organizzate i vostri zaini? commentate qui sotto!! 🙂

Annunci

11 risposte a “Ecco come fare uno zaino per 2 settimane

  1. Ora devo assolutamente avere gli organizer da zaino! Ormai col pupo faccio trasloco ad ogni spostamento ed ogni volta che cerco qualcosa nello zaino non la trovo mai!

    Mi piace

I commenti sono chiusi.